صفحه را انتخاب نمایید


Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, dover scegliere se usare una preposizione semplice o una preposizione articolata rappresenta uno dei maggiori dubbi per chi studia l’italiano poiché spesso non esistono regole ben precise e, a seconda delle espressioni, le preposizioni si comportano in modo diverso senza un motivo apparente. Ci sono però delle indicazioni generali grazie alle quali ci si può orientare. Vediamole insieme.

Buona lettura!

Prof. Anna

Analizziamo alcuni casi che ci aiutano a capire quando è corretto usare una preposizione semplice e quando invece è necessario usare una preposizione articolata.

Con i nomi di parentela:

non si usa l’articolo davanti agli aggettivi possessivi mio-mia, tuo-tua, suo-sua, nostro-nostra, vostro-vostra, quindi se dobbiamo usare una preposizione, useremo una preposizione semplice: ho promesso a mia madre che l’avrei aiutata, sono stato a cena da mio fratello;

quando il nome di parentela è alterato o è accompagnato da un aggettivo, l’articolo si usa e quindi si userà una preposizione articolata: gli occhi della mia sorellina sono azzurri, ho telefonato alla mia nonna materna;

quando invece i nomi d parentela sono accompagnati dagli aggettivi possessivi al plurale, è sempre necessario l’articolo e di conseguenza la preposizione articolata: vado a pranzo dai miei zii;

con i nomi propri non si usano le preposizioni articolate: questo libro è di Giorgio, siamo a casa di Giulia; è possibile sentire usare l’articolo e quindi la preposizione articolata davanti ai nomi propri, ma si tratta di usi regionali;

quando usiamo la preposizione in per esprimere un complemento di luogo, se è accompagnata da un nome di nazione al singolare, useremo la preposizione semplice: vado in Italia; se il nome della nazione è plurale, useremo la preposizione articolata: vivo negli Stati Uniti da molti anni;

si usa la preposizione articolata davanti ai nomi degli stati, dei continenti, delle isole o gruppi di isole considerati grandi, dei mari, dei fiumi, dei laghi e delle montagne: sono appena tornata dalla Sicilia (considerata una grande isola), sono appena tornata da Cipro (considerata una piccola isola), andiamo a sciare sulle Alpi;

non si usa mai la preposizione articolata davanti ai nomi di città: l’architettura di Roma è molto caratteristica; a meno che il nome di città non sia accompagnato da un aggettivo o complemento di specificazione: l’architettura dell’antica Roma è molto caratteristica;

solitamente quando una preposizione introduce un complemento di fine o di modo è semplice: camera da letto, sono di buon umore, parla a bassa voce, siamo in ansia;

è obbligatoria la preposizione articolata davanti a un infinito sostantivato: nel cadere ho sbattuto un ginocchio.

Seleziona la risposta corretta fra le opzioni disponibili. Al termine premi il pulsante “Correggi esercizio”: vedrai le risposte giuste evidenziate in verde e quelle sbagliate in rosso.

۱- Torneranno Islanda tra pochi giorni. 2- Ho scritto una lettera mio nonno. 3- Ho scritto una lettera mio caro nonno. 4- Il fratello Maria è un mio caro amico. 5- Abbiamo deciso di fare un viaggio Emirati Arabi. 5- Non so dirti se è più bello il mare Sadegna o quello Malta, sono entrambi stupendi. 6- Ho paura, mi sento pericolo. 7- Questo film è ambientato nei quarieri residenziali Londra vittoriana. 8- Andiamo a pranzo  mio cugino. 9- Abbiamo imparato memoria tutta la poesia.10- Questo monumento è dedicato memoria dei caduti di guerra.