0 خرید
Telegram: @ipcitaliano info@alirezadadfar.ir


Care lettrici e cari lettori di Intercultura blog, vi siete mai chiesti quante persone nel mondo studiano l’italiano e i motivi per cui lo si studia? Scopriamolo insieme leggendo l’articolo che segue.

L’immagine che accompagna l’articolo è la mappa dell’italofonia nel mondo, in cui sono evidenziati  i Paesi che hanno l’italiano come lingua madre o come seconda lingua.

Buona lettura

Prof. Anna

La notizia risale ormai a qualche anno fa, tuttavia l’analisi è interessante, non tanto per il dato in sé, ma perché si ricercano i motivi per i quali lo studio dell’italiano interessa tante persone al di fuori dell’Italia.

Leggiamolo insieme.

Un paio di settimane fa, la stampa italiana dava, con un certo stupore, la notizia che l’italiano è la quarta lingua studiata nel mondo dopo inglese, spagnolo e cinese, non riuscendo a spiegarsene il perchè.

Le prime tre sono abbastanza logiche: l’inglese è la lingua di un miliardo e mezzo di persone (mettendo nel conto anche gli indiani) ed è la principale (ma non l’unica) lingua franca del Mondo. Lo spagnolo è la lingua di mezzo miliardo di parlanti ed è in rapida espansione negli Usa; quanto al cinese, non solo è la prima lingua di un miliardo e mezzo di parlanti, ma è la lingua del principale paese emergente (forse è meglio dire ”Emerso”) e seconda potenza mondiale. Sin qui tutto spiegabile.

Invece, inspiegabile è che sia quarta l’Italiano, lingua di poco più di sessanta milioni di parlanti (forse settanta se ci mettiamo dentro eritrei, albanesi, somali che lo conoscono e un po’ di italiani all’estero), di un paese relativamente piccolo ed in decisa decadenza, ignorato dalle grandi potenze e ridicolizzato dai suoi piccoli politici passati e presenti.

Precede lingue come il francese, il tedesco, il russo, il portoghese, il giapponese, come si spiega? Il guaio è che i giornalisti italiani sono molto ignoranti e, quel che è peggio, non fanno nessuna ricerca prima di scrivere.

Allora vediamo qualcosa che può spiegare questo strano fenomeno. Prima di tutto, si dimentica che l’italiano è la lingua franca di uno dei principali soggetti geopolitici mondiali: la Chiesa Cattolica. La lingua ufficiale della Chiesa, come si sa, è il latino, ma quella in uso fra i prelati (e spesso anche i semplici preti) di nazioni diverse è soprattutto l’Italiano che è parlato correntemente in Vaticano ed usata prevalentemente dal Papa, vescovo di Roma, anche se non si tratta più di un italiano da quasi quaranta anni. Ed anche in ordini religiosi come i salesiani o i gesuiti, la lingua corrente è l’italiano.

Poi c’è da considerare che l’Italia è uno dei paesi che ha avuto una cospicua emigrazione nell’ultimo secolo: circa 40 milioni di persone sparse soprattutto in Argentina, Usa, Canada, Australia, Germania, Francia e Belgio e non pochi figli e nipoti si sono mantenuti bilingui. Fra l’altro (la cosa non ci inorgoglisce ma deve essere registrata su un piano avalutativo) l’Italiano è spesso usato fra gli uomini di Cosa Nostra o fra gli ‘ndranghetisti sparsi per il mondo ea altre organizzazioni criminali come i colombiani. E anche questo è un fenomeno sociale.

C’è poi l’importanza dell’Italiano sul piano culturale ed anche qui si sono dimenticate troppe cose. In primo luogo si dimentica che l’italiano è la lingua principale del melodramma e nel mondo ci sono tanti melomani che apprezzano molto la nostra musica lirica, basti pensare al successo mondiale avuto da Pavarotti dagli anni ottanta in poi.

Poi la letteratura italiana è sicuramente una delle primissime a livello mondiale; non mi interessa stabilire se sia la prima in assoluto (anche se non mi stupirebbe affatto constatarlo), mi basta sottolineare come essa abbia uno sviluppo continuo nel tempo da XIII secolo in poi, con capolavori di livello mondiale, in tutti i secoli. Quello che non mi pare si possa dire allo stesso livello delle letterature di Inghilterra, Francia, Germania, Spagna e Russia che presentano maggiore discontinuità.

Chi voglia avere una idea del “peso” della letteratura italiana, può consultare la monumentale collana di testi della Ricciardi, ma ripeto che non ha senso stare a stabilire se si tratti della prima in assoluto, basti considerare che certamente è fra le primissime. E non sorprende che ci siano autori italiani (da Petrarca a Gramsci o Leopardi) più amati e letti all’estero che in Italia. Ma qui c’è il ruolo della scuola, il cui principale scopo è far odiare agli studenti tutto quello che fa loro studiare.

Del peso dell’arte italiana, in particolare del Rinascimento, ma non solo, non è il caso di dire e questo spiega (altra cosa non sufficientemente considerata) che l’Italia sia una delle principali mete turistiche nel Mondo.

E, infine (anche la cultura “materiale”, ha il suo peso) tanto la gastronomia quanto la moda nel Mondo parlano spesso italiano.

Che morale possiamo ricavare da questa terribile sproporzione fra l’apprezzamento che la cultura e la lingua italiana riscuotono nel mondo e la pochezza dell’autostima degli italiani? Semplicemente che gli italiani del tempo presente sono impari rispetto al patrimonio culturale che li sovrasta. Peccato.

Fonte: http://www.aldogiannuli.it/italiano-quarta-lingua/

Vediamo il significato di alcuni termini ed espressioni:

lingua madre → la lingua madre o lingua materna è la lingua appresa o comunque parlata dai genitori;

seconda lingua → si intende una lingua appresa in un secondo momento rispetto alla lingua madre;

lingua franca → una lingua franca è una lingua che viene usata come strumento di comunicazione internazionale, fra persone di differente lingua madre per le quali questa lingua è straniera;

ridicolizzare → fare apparire ridicolo qualcuno o qualcosa;

cospicuo → ingente, considerevole;

bilingue → chi usa o parla correntemente e normalmente due lingue;

inorgoglire → rendere orgoglioso, soddisfatto;

avalutativo → che prescinde da giudizi di valore;

Cosa Nostra → organizzazione mafiosa attiva in Sicilia e negli Stati Uniti;

‘ndranghetista → membro appartenente alla ‘ndrangheta, organizzazione calabrese di tipo mafioso;

melomane → chi è estremamente appassionato di musica, specialmente lirica.

Dopo aver letto con attenzione il testo dell’articolo, provate a rispondere alle seguenti domande:

۱- Quali sono le tre lingue più studiate?

۲- Qual è la lingua del principale paese emergente?

۳- Cos’è una lingua franca?

۴- Di quale soggetto geopolitico mondiale l’italiano è lingua ufficiale?

۵- Verso quali paesi è avveunuta principalmente l’emigrazione italiana nell’ultimo secolo?

۶- All’interno che quale tipo di organizzazioni è utilizzato l’italiano?

۷- Sul piano culturale, quali sono i principali  ambiti che veicolano l’interesse per la lingua italiana?

۸- Quali sono i motivi che vi spingono a studiare l’italiano?

 

 

 

Share This